Regole del Dojo

 

Il dojo è la sala dove ci si allena. E’ il luogo (Jo) dove si cerca la "via" (Do), la via della perfezione, dell’unione corpo-spirito, che è la prima ragione fondamentale delle arti marziali.

Di seguito sono riportati i 18 precetti di G. Funakoshi:

1) Il Karate inizia e finisce con il saluto

2) Non c’è tecnica offensiva nel Karate (Karate Ni Sente Nashi)

3) Il Karate è rettitudine, riconoscenza

4) Il Karate è capire se stessi e gli altri

5) Nel Karate lo spirito viene prima dell’azione

6) Il Karate è lealtà e spontaneità

7) Il Karate insegna che le avversità ci colpiscono quando si rinuncia

8) Il Karate non si vive solo nel Dojo

9) Il Karate è una regola per tutta la vita

10) Lo spirito del Karate deve ispirare tutte le azioni

11) Il Karate viene tenuto vivo col fuoco dell’anima

12) Il Karate non è vincere, ma è l’idea di non perdere

13) Lo spirito varia secondo gli avversari

14) Concentrazione e rilassamento devono trovare posto al momento giusto

15) Il praticante mantiene sempre la guardia (gamae); la posizione naturale (Shizen-Tai) riguarda solo i livelli più alti

16) Il Kata è perfezione dello stile; la sua applicazione è un’altra cosa

17) Come l’arco, il praticante deve avere contrazione, espansione e velocità; analogamente rilassamento, concentrazione, dolcezza

18) Lo spirito deve tendere al livello più alto